Casa Veronelli

Attualità

L’orto dei frutti dimenticati

settembre 12, 2012 by Gian Arturo Rota in Attualità, Eventi with 0 Comments

Ho un rapporto di ammirazione speciale nei confronti di Tonino Guerra.
Quando ancora editore, ho pubblicato la sua (prima e pressochè completa) biografia, lui ancora in vita, autrice la simpatica e precisa Rita Giannini, sua biografa ufficiale, per conseguenza l’unica persona da lui autorizzata a scriverla.
Riprendo quindi con enorme gioia il comunicato sull’importante manifestazione organizzata dall’Associazione Tonino Guerra insieme al comune di Pennabilli, nel ricordo, ancor più che dell’impegno esaverbato, dei numerosi appelli di Guerra per ricordare a chiunque di non far morire “i miei frutti non dimenticati”.
Appelli non caduti nel vuoto (Gian Arturo Rota)

GLI ANTICHI FRUTTI D’ITALIA SI INCONTRANO A PENNABILLI
“Rivediamoci per sentire il passato in bocca”
mostre convegni mercato spettacoli
Quinta edizione, Pennabilli (Rimini) 29 e 30 settembre

A Pennabilli – città in cui per più di vent’anni ha abitato e lavorato il Maestro Tonino Guerra, ideatore dell’Orto dei Frutti dimenticati che ha visto la luce circa ventidue anni fa e si è arricchito nel tempo di arbusti, piante e installazioni. – un appuntamento nazionale dedicato ai frutti antichi.
La poetica di Guerra – nei versi, nelle sceneggiature, nei disegni, nelle installazioni architettoniche – è in stretta sintonia con la natura, in simbiosi con il mondo contadino e con i suoi frutti, in particolare quelli della storia e della memoria.
Grande la sua attenzione per tutto ciò che è riconducibile ai profumi, ai sapori, ai colori della terra.

E’ nato così il progetto, di rilievo nazionale, che continua ad esplorare il mondo dei frutti “antichi”, per usare un aggettivo ben identificabile, poiché ormai, anche grazie all’opera di Guerra, “non sono più dimenticati”.
A seguito delle sue battaglie, sono nati infatti in Italia altri luoghi e manifestazioni che ne ricalcano il percorso.

Nelle precedenti edizioni, si sono potuti ammirare alcuni frutti di straordinario interesse, come ad esempio:
-    I frutti del “Castagno dei 100 cavalli”: il più vecchio castagno del mondo che supera i 3.000 anni.
-    L’uva di Dioniso che i greci portarono in Italia, ritenuta estinta e che invece è stata ritrovata su un’isola Siciliana.
Un’uva senza semi, di colore rosa e dai tralci erbacei e flessuosi che servivano per cingere il capo delle baccanti.
-    I pistacchi di Bronte, da piante di oltre 500 anni, dalle dimensioni colossali che sembrano polpi con tentacoli che spuntano dalle lave dell’Etna.
-    Le olive dell’olivo di Luras, il più vecchio d’Italia e forse del Mediterraneo, 3.800 anni e il tronco di ben 13 metri di circonferenza.
-    I frutti del corbezzolo più grande d’Italia, di 3,5 metri di circonferenza.
-    Varietà di uve, mais, grani, pere e mele antichi del Montefeltro.

Farà cornice all’evento nel centro storico il mercato delle piante dei frutti dimenticati e dell’artigianato qualificato.
I visitatori avranno così modo di ammirare e acquistare le proposte di importanti vivai provenienti da più regioni.
I ristoranti locali inoltre, proporranno menu di antiche ricette e in più punti del mercato saranno proposti assaggi.
La festa però non vuole essere soltanto spettacolo e mercato, ma un invito alla riflessione sull’importanza di preservare.
Perciò, l’evento è ricco di conferenze, convegni, presentazione di libri e laboratori.

Tonino Guerra commentava il senso della manifestazione con un invito e un monito:
”Questo non è soltanto un piccolo incontro con una mostra di frutti in un piccolo paese, ma è un consiglio, un segnale forte, un atto di grande devozione per la terra ed un invito ad amarla.
Se l’uomo non guarderà con più attenzione la terra, noi andremo a finire male.”

Organizzazione e informazioni
Associazione Culturale Tonino Guerra
Via dei Pensieri Sospesi 4, Pennabilli (RN)
Tel 0541 92 88 46
www.toninoguerra.org
associazionetoninoguerra@gmail.com

Tagged , , , , , , , ,

Related Posts

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

I tuoi dati non saranno ceduti a terzi (Privacy D. Lgs. 196/2003) e potrai cancellare l'iscrizione quando vorrai con un semplice click.

Officina Enoica

Casa Veronelli costituisce la prosecuzione naturale del sito Veronelli, online dal 1997, per mantenere viva la memoria di Luigi Veronelli e raccontare l'immenso patrimonio gastronomico "del paese più bello del mondo".
Rubriche per immagini
  • “Vivere frizzante”
  • Quando i panini sono buoni…
  • Sulla patata di Martinengo
  • “Vieni in Italia con me”. Di Massimo Bottura
  • Guida Vinibuoni d’Italia 2015. Dedicata a Veronelli
  • Guida al vino critico 2015. Di Officina Enoica