Casa Veronelli

Luigi Veronelli

Perdere la testa per una diciottenne

Nel numero di marzo 1997, il mensile Class ha dedicato un servizio sulle coppie con una forte differenza di età.
Anche Veronelli è tra i personaggi intervistati. Due le domande:
1, se da uomo maturo gli è mai capitato di perdere la testa per una giovane donna diciottenne;
2, se non è mai successo, come immaginerebbe di mettersi in gioco con una donna così giovane, se addirittura la sposerebbe. Divertenti le sue risposte. (Gian Arturo Rota)

1, Bene-maledetto me, non ho mai perso la testa per una diciottenne. M’è successo – se non il contrario – quasi.
Quattordicenne, fui amato da una diciottenne, sposa di un ufficiale ferito (primo assalto, ultima guerra, fronte francese).

2, Posta la condizione: sia ricca, ultraricca, così ch’io possa dedicarle ogni giorno, ora, minuto, attimo delle mie attenzioni, pronto prontissimo a sposarla, la diciottenne.

 

Tagged , , , ,

Related Posts

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

I tuoi dati non saranno ceduti a terzi (Privacy D. Lgs. 196/2003) e potrai cancellare l'iscrizione quando vorrai con un semplice click.

Officina Enoica

Casa Veronelli costituisce la prosecuzione naturale del sito Veronelli, online dal 1997, per mantenere viva la memoria di Luigi Veronelli e raccontare l'immenso patrimonio gastronomico "del paese più bello del mondo".
Rubriche per immagini
  • “Vivere frizzante”
  • Quando i panini sono buoni…
  • Sulla patata di Martinengo
  • “Vieni in Italia con me”. Di Massimo Bottura
  • Guida Vinibuoni d’Italia 2015. Dedicata a Veronelli
  • Guida al vino critico 2015. Di Officina Enoica