Casa Veronelli

Luigi Veronelli

La prima mostra su Veronelli. Bergamo, 2010

Nel 2010 è stata organizzata, di mia cura, la prima mostra su Luigi Veronelli.
Si è tenuta a Bergamo, presso la Galleria d’arte moderna e contemporanea, nell’ambito di Ristorerò, manifestazione intitolata a Veronelli stesso e a Vittorio Cerea, antesignano della ristorazione di qualità bergamasca.
Più sotto, il testo di presentazione.
Mi fa piacere pubblicare anche alcune fotografie che danno l’idea sia dei documenti che ho scelto di esporre sia di come l’art director (Erika Tironi) ha deciso di esporre.

Festeggiare la vita è espressione che Veronelli, nello scrivere ha esplicitato solo negli ultimi anni, ma che, nella sua esistenza, ha messo in atto per l’intero corso.
Un’esistenza, segnata da innumerevoli viaggi, esperienze, incontri, relazioni, assaggi, letture, e da un “efferato” impegno civile e sociale sfociato anche in polemiche e battaglie “epiche”, per la difesa dei valori contadini e della Terra

Uomo dato alla gola, e a tutti i piaceri sensuali e mondani”, Veronelli ha rivendicato assoluto – per l’uomo morale (“l’uomo, la donna, amica mia paritaria”) – il diritto alla gioia; lui lo ha pienamente realizzato nel campo del suo privilegio (cibi, vini), ma anche cercato, e soddisfatto, in ogni gesto estetico della quotidianità.
Per lui ogni “cosa” corrispondeva ad un “incontro”, da vivere al meglio.
Tanto da essere riconosciuto e celebrato quale icona della cultura materiale di cui ha voluto cogliere e saputo comunicare tutta la portata filosofica, lui che la filosofia l’ha studiata ed esercitata per davvero.

Nella mostra è tracciato – seppur parziale, tanto vasto il suo archivio – un percorso che evidenzia, attraverso la selezione di “documenti” simbolo (oggetti e immagini), come Veronelli festeggiava la vita sua: le persone, il vino, la buona tavola, i libri, il pensiero, le parole (scritte e dette), l’anarchia (per lui con valore di “assunzione di responsabilità, rispetto di sé e quindi degli altri”), l’arte.
Si tratta di materiale in gran parte sconosciuto, inedito, rivelatore, sorprendente, dilettevole.

A festeggiare anche noi la vita.

Vedi le foto della mostra:

Tagged , , , , , , , , , , , , ,

Related Posts

2 Comments

  1. stefano de ferrarigen 11, 2013 at 14:39Reply

    peccato non averla visitata ..doveva essere molto interessante…considerando che Veronelli era un uomo speciale… un saluto

    • Gian Arturo Rotagen 11, 2013 at 16:16ReplyAuthor

      Buongiorno.
      Si, un’esposizione che, seppur parziale, permetteva di cogliere Veronelli nella sua dimensione e umana e professionale.
      Il libro uscito due mesi fa circa, assolve alla stessa funzione, sebbene abbia un fascino “estetico” inferiore.
      A proposito di mostre, le ricordo che sino al 31 gennaio ne è in corso una seconda, più specifica tuttavia: Viaggio sentimentale tra le acqueviti di Veronelli, presso Borgo Antico San Vitale, Borgonato di Corte Franca (Brescia).
      Una raccolta di 375 bottigle di distillati della sua cantina, suddivise per tematiche, introdotte dai totem di spiegazione.
      Grazie e saluti vivissimi

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

I tuoi dati non saranno ceduti a terzi (Privacy D. Lgs. 196/2003) e potrai cancellare l'iscrizione quando vorrai con un semplice click.

Officina Enoica

Casa Veronelli costituisce la prosecuzione naturale del sito Veronelli, online dal 1997, per mantenere viva la memoria di Luigi Veronelli e raccontare l'immenso patrimonio gastronomico "del paese più bello del mondo".
Rubriche per immagini
  • “Vivere frizzante”
  • Quando i panini sono buoni…
  • Sulla patata di Martinengo
  • “Vieni in Italia con me”. Di Massimo Bottura
  • Guida Vinibuoni d’Italia 2015. Dedicata a Veronelli
  • Guida al vino critico 2015. Di Officina Enoica