Casa Veronelli

Luigi Veronelli

I sette vizi capitali

Ho trovato nell’archivio, appunti manoscritti di Veronelli relativi a una proposta d’intervista del febbraio 1983 per il Resto del Carlino, da parte di Giancarlo Liuti. Argomento: i sette vizi capitali: cosa ne pensa Veronelli, quale il senso, come lui li avverte.
Non so se l’intervista è stata pubblicata, da che mi manca il ritaglio di giornale. Quegli appunti, preparatori alle risposte e che riproduco nella loro – credo – provvisorietà, mi sembrano in ogni caso di notevole interesse social-filosofico.
(Gian Arturo Rota)

Accidia
Vizio o virtù l’accidia?
Accidia come assenza, rifiuto all’impegno perché so che l’impegno è, nel mondo in cui viviamo, al negativo, favorisce il negativo.
Alla fine non so se sia meglio essere e definirsi anarchico, o essere anarca alla Ernst Junger: “l’anarca non predica niente, non gli importa convertire nessuno”.

Avarizia
Non nel senso di parsimonia, nel qual caso è addirittura una virtù, ma nel senso di brama nell’accumulo di ricchezza.
E’ a mio avviso, l’orrido tra i vizi, prima causa d’ogni male sia a livello di persona sia di corporazione, stato, nazione.

Gola
E’ peccato quando limita il piacere.
Il limite di mangiare è solo di ordine estetico, guarda caso collima con l’ordine morale.

Invidia
Rammarico per la felicità altrui.
No, non è nel mio armadio, direi anzi che in me v’è sempre compiacimento, neppure troppo sottile, dell’altrui fortuna e capacità. E’ rassicurante, mi dà la prova delle possibilità di ciascuno e quindi anche mie. Alla fin fine è un appropriarsi di un bene altrui, la consapevolezza di fruirne, o quanto meno di poterne, subito o domani, fruirne.

Superbia
Si potrebbe tornare all’accidia. Superbia o necessità del torcere?
L’alterigia, il disprezzo, no.

Lussuria
Brama sfrenata dei piaceri sessuali.
La pornografia, sia scritta sia filmata, è un complemento, non ha ucciso la lussuria. Disgustosa quando volgare, amabilissima se giocata con l’intelletto.
Sono stato il primo a pubblicare De Sade: Contes, historiettes et fabliaux, ove gli imbecilli vedono solo oscenità.

Ira
Emozione violenta, incontrollata, condannabile proprio perché non guidata; impossibile difenderci dalla violenza con la violenza; per fare la lotta ai cannibali ce li mangiamo?
C’è però un’ira gentile. Il Parini parla di magnanima ira, Mazzini dell’ira santa.

Tagged , , , , , , , , ,

Related Posts

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

I tuoi dati non saranno ceduti a terzi (Privacy D. Lgs. 196/2003) e potrai cancellare l'iscrizione quando vorrai con un semplice click.

Officina Enoica

Casa Veronelli costituisce la prosecuzione naturale del sito Veronelli, online dal 1997, per mantenere viva la memoria di Luigi Veronelli e raccontare l'immenso patrimonio gastronomico "del paese più bello del mondo".
Rubriche per immagini
  • “Vivere frizzante”
  • Quando i panini sono buoni…
  • Sulla patata di Martinengo
  • “Vieni in Italia con me”. Di Massimo Bottura
  • Guida Vinibuoni d’Italia 2015. Dedicata a Veronelli
  • Guida al vino critico 2015. Di Officina Enoica