Casa Veronelli

Rubriche

Ma che girandola di prodotti buoni!

giugno 15, 2012 by Gian Arturo Rota in L'Artigiano, Rubriche with 0 Comments

Faccio assaggi di cose buone buonissime.
Cibi diversi per natura, tipologia, metodo di produzione, provenienza. Tutti espressione di un’individualità che è rivendicazione prioritaria di chi li pensa e realizza. Individualità, da un lato risposta sempre più risoluta ai tentativi (ancora) pressanti della standardizzazione, dall’altro mezzo efficace (il più efficace) di protezione dai plagi, dalle illusorie imitazioni. Là dove sono protagonisti la terra e l’onestà non c’è spazio nè per le invenzioni nè per l’inganno.
Ecco un primo gruppo. Suddivido, per comodità di lettura, in “categorie”.


RISO
Il riso, carnaroli, con la gemma (gran bei chicchi, un po’ regolari un po’ no, grezzi già alla vista, non privati della gemma appunto; resa di cottura eccelsa, in bocca esplodono in tutta la loro elasticità e pienezza di sapore) della Riseria Gli Aironi, strada delle Grange 8, Lignana (VC), tel. 0161/344025, www.gliaironi.it.
Un altro riso carnaroli, sorprendente, insieme all’altrettanto sorprendente miglio (cereale minore, si dice), di antica varietà. Entrambi sono della Cascina Casalina, frazione Belcreda, Gambolò (PV), tel. 0381/930249, www.cascinacasalina.it. Qui, si pratica la permacultura, un agricoltura in l’uomo “interviene solo per il 20%, ovvero per la semina, l’irrigazione e la raccolta. Il contadino deve tornare a fare il contadino”, sentenzia Giuseppe Oglio, patron d’una poderosa cultura botanico-agraria.

PASTA
Gli strangozzi (anche detti strozzapreti), sorta di spaghetti ma più spessi e al tatto più ruvidi; importante dire che la ruvidezza non è dettaglio solo estetico, funge invece da “calamita” per il condimento, lo trattiene di più, ad esaltare amalgama e sapidità; mi sono piaciuti quelli della Società Agricola Trevi/Il Frantoio, località Torre Matigge, Trevi (PG), tel. 0742/391631, www.oliotrevi.it.

PANE BISCOTTATO
Il nome proprio è Bistoccu, di Sardegna e ottenuto da farina integrale (grano tenero e fiore di grano duro). Un pane cotto e tostato, molto versatile, buono da consumarsi sia solo sia per bruschette sia, mi è facile immaginare, anche per zuppe vegetali. Eticalimenta, corso Vittorio Emanuele 259, Ittiri (SS), tel. 079441100, www.eticalimenta.it.

ACETO
Il nome vero è Condimento, di fatto un aceto, a suo modo “balsamico”, a base di aceto di ciliegie (50%), mosto cotto d’uva, aceto di vino, zucchero. Le ciliegie, di Vignola (mica scherza il produttore). Colore ambrato vivo, profumo tenue, minerale, sapore agrodolce, buone acidità naturale e personalità, discreta densità. L’ho provato sul pesce (crostacei), carni bianche, misticanze e frittate con verdure (con le ultime due tipologie forse il miglior “incontro”). Acetaia La Ca dal Lauv, via per Sassuolo 3, frazione Pigneto, Prignano (MO), tel. 335355170, www.acetodiciliegia.it

DOLCI
Buone le paste di meliga – tondi, friabili e sostanziosi biscotti da farina sia di frumento sia di mais (in dialetto detta appunto meliga), ingentiliti da sentore di limone (nella preparazione si usa la scorza) – dell’azienda agricola Pistono Fiorenzo, via Guglielmo Marconi, Fiorano Canavese (TO), tel. 0125/611744, www.mielemania.it.
E che dire dei baci di Cherasco, secolare delizia con nocciole di Langa tostate e ricoperte di (buon) cioccolato fondente (con 60% di cacao)? Già il profumo, alchemico, conquista. Li produce antica pasticceria: Barbero 1881, via Vittorio Emanuele 74, Cherasco (CN), tel. 0172/488373, www.pasticceriabarbero.com.

MIELE
Mieli, ad essere preciso. Andrea Paternoster, apicoltore trentino ma di caratura “universale”, ne produce di suoi e ne propone anche di colleghi stranieri. Andrea è uno che vive giorno e notte con le api, che “ragiona” come le api e che, come le api, cerca e vuole il meglio del fiore, l’essenza. I suoi prodotti – rododendro, tarassaco, erica, acacia, ad esempio) sono figli proprio di questo rapporto viscerale con la natura. Mieli Thun, via Castel Thun 8, Vigo di Ton (TN), tel. 0461/657929, www.mielithun.it

Tagged , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Related Posts

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

I tuoi dati non saranno ceduti a terzi (Privacy D. Lgs. 196/2003) e potrai cancellare l'iscrizione quando vorrai con un semplice click.

Officina Enoica

Casa Veronelli costituisce la prosecuzione naturale del sito Veronelli, online dal 1997, per mantenere viva la memoria di Luigi Veronelli e raccontare l'immenso patrimonio gastronomico "del paese più bello del mondo".
Rubriche per immagini
  • “Vivere frizzante”
  • Quando i panini sono buoni…
  • Sulla patata di Martinengo
  • “Vieni in Italia con me”. Di Massimo Bottura
  • Guida Vinibuoni d’Italia 2015. Dedicata a Veronelli
  • Guida al vino critico 2015. Di Officina Enoica