Casa Veronelli

Rubriche

Pinchiorri a due voci. Due libri in un unico tomo

settembre 10, 2013 by Gian Arturo Rota in Il Libro, Rubriche with 0 Comments

cover_Pinchiorri a due voci
Si potrebbe dire un omaggio a due figure che – lui italiano innamorato di Francia, lei francese innamorata d’Italia, entrambi patriottici e cosmopoliti a un tempo – attraverso il vino e il cibo hanno portato Firenze ovunque nel mondo (o il mondo è venuto a Firenze?).
Ma più che omaggio, il libro – edito da Cinque Sensi, curato da Leonardo Castellucci, prefazioni di Piero Antinori e Paul Bocuse – a me pare un atto dovuto: Giorgio Pinchiorri e Annie Feolde sono nella storia della cultura e dell’ospitalità gastronomica italiane. Hanno rivoluzionato il concetto di ristorante, ne hanno fatto un luogo dal duplice, individuo volto. Veronelli lo aveva riassunto nella primissima edizione della sua guida ai ristoranti, 1978:
“Il locale è nato “per” il vino; il cibo, peraltro curatissimo, è come se gli nascesse sopra.
Vini e cibi paritari dunque, a spiritualizzarsi in via reciproca.
Così che reputo “coerente” la scelta dell’editore di impostarlo a doppia voce, che io non intendo come una diversa visione delle cose, ma l’assommarsi di due esperienze autonome su un binario unico.
Leggo nella scheda di presentazione:

Leonardo Castellucci ha tracciato con mano biografica il “romanzo” di una bellissima storia o, meglio, di due storie.

In 224 pagine si raccontano i diversi destini dei due protagonisti che poi si incontrano per perseguire un sogno comune, quello di dar vita a una grande e innovativa enoteca e subito dopo a un altrettanto grande ristorante.
Due passioni diverse ma perfettamente compatibili che si salderanno in quello che è considerato un unicum nella ristorazione: un luogo di eccezionali intuizioni culinarie, in cui risiede un’esclusiva rassegna del meglio della viticoltura internazionale e dove si è ospitati secondo le più raffinate regole dell’arte dell’accoglienza.

La storia di Annie Féolde parte dalla Francia e passa per l’Inghilterra prima di sbarcare in Italia. Da qui al Giappone e al mondo che la premia.

La storia di Giorgio Pinchiorri parte dalla campagna modenese e poi si consolida a Firenze ma con continui viaggi nelle terre del vino di Europa e del mondo, in un ininterrotto aggiornamento che gli permetterà di essere individuato come uno fra i più apprezzati conoscitori.

Gian Arturo Rota

Pinchiorri a due voci
A cura di Leonardo Castellucci
Cinquesensi Editore
press@cinquesensi.itwww.editore.cinquesensi.it

Tagged , , , , , ,

Related Posts

Leave a reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Iscriviti alla Newsletter

I tuoi dati non saranno ceduti a terzi (Privacy D. Lgs. 196/2003) e potrai cancellare l'iscrizione quando vorrai con un semplice click.

Officina Enoica

Casa Veronelli costituisce la prosecuzione naturale del sito Veronelli, online dal 1997, per mantenere viva la memoria di Luigi Veronelli e raccontare l'immenso patrimonio gastronomico "del paese più bello del mondo".
Rubriche per immagini
  • “Vivere frizzante”
  • Quando i panini sono buoni…
  • Sulla patata di Martinengo
  • “Vieni in Italia con me”. Di Massimo Bottura
  • Guida Vinibuoni d’Italia 2015. Dedicata a Veronelli
  • Guida al vino critico 2015. Di Officina Enoica